Arredare una stanza per giocare online

Arredare una stanza per giocare online

gaming

Nel corso degli ultimi anni il mondo ha vissuto delle trasformazioni profonde e sostanziali, che hanno in alcuni casi anche stravolto parecchi settori. Un ambito che può dire di essere stato coinvolto in questo processo è di certo quello legato al gaming e gambling: profondamente radicato in Italia e nella sua popolazione, questo settore è però fortemente cambiato.

Nello specifico, quello che si è verificato è stato un progressivo e nemmeno troppo lento spostamento degli utenti dalle sedi fisiche adibite a questa attività (sale gioco, casinò, centri scommesse) al virtuale: il gaming online ha preso piede e si è diffuso in maniera sempre più forte, catturando l’attenzione di milioni di gamers.

Bisogna però operare una importante distinzione tra i due risvolti: quando parliamo di gambling infatti facciamo riferimento a tutti quei siti, legali e protetti come Bookmakersaams.eu, all’interno dei quali è possibile giocare d’azzardo. Altra cosa è il gaming puro, legato solamente ai classici videogiochi. In questo caso è possibile anche arredare una stanza appositamente adibita per giocare online. Vediamo in che modo.

Gli elementi più importanti

Cominciamo da tutti quei fattori che vanno ad essere fondamentali: non solo e non tanto a livello estetico, che comunque fa la sua parte, quanto piuttosto a livello pratico e sostanziale. Una stanza arredata nel giusto modo può infatti influire in maniera molto importante sulla qualità delle prestazioni del gamer, a seconda di quanto riesce ad ottimizzare la sua esperienza in senso pratico. Si tratta di immersività all’interno del gioco, e di una realtà virtuale resa in modo sempre più realistico per l’appunto.

Sicuramente il primo punto di questa lista non può non combaciare con il luogo cardine della postazione del videogiocatore, attorno al quale ruota tutto il resto: la poltrona da gaming. È necessario per un upgrade delle prestazioni e della giocabilità che questa sia una poltrona regolabile o professionale, considerando che l’utente trascorrerà molto tempo nella sua postazione e che quindi questa deve essere quanto più possibile confortevole ed addirittura ergonomica.

Il passaggio successivo è certamente collegato ancora alla postazione stessa: il gamer ha bisogno di spazio, di comodità e di libertà di movimento, e quindi la “location” deve potergli garantire tutte queste possibilità. Insomma la scrivania che ospita il PC del giocatore dovrà rientrare in questi parametri, ed allo stesso modo un ruolo determinante per la giocabilità e fruibilità lo giocheranno altri due elementi: l’illuminazione e l’areazione della camera del gamer.

Infine, un dettaglio che può essere considerato marginale ma può anche fare la differenza: in realtà molto dipende dallo stile di gioco del gamer stesso. Sovente infatti i videogiocatori preferiscono essere da soli durante tutte le loro sessioni; ma se invece si tratta di un utente a cui piace condividere le esperienze online con gli amici, allora ecco che a quel punto la stanza dovrà comprendere anche una sorta di postazione per eventuali ospiti: in questo caso sarà ovviamente sufficiente un divano o qualcosa di simile, l’importante è che sia comodo e spazioso.

Tutte le possibili decorazioni

Quelle appena descritte sono le vere e proprie basi della camera di un gamer: vediamo adesso come questa può essere migliorata ulteriormente una volta gettate queste fondamenta. In questo caso è tutta una questione di personalizzazione del luogo in cui il giocatore si trova, al fine di favorire ancora di più la sua immersione totale nei giochi a cui si sta dedicando.

Per esempio una stanza allestita per giocare online può ospitare poster alle pareti e stampe decorative (ecco perché è assolutamente consigliato dipingere i muri con colori neutri) o anche una buon numero di personaggi da collezione.

Tarantula